top of page

I nostri consigli tecnici

Composizione di fibre di acciaio inossidabile

☉ Fibre in acciaio inox AISI 316L, AISI 601, 302, 304

Composizione chimica delle fibre metalliche

Il più comune: AISI 316L (norme EN 14404)famiglia di austenitici. Ecco le composizioni delle fibre dell'AISI 316L, e dell'AISI 601 (Inconel), rispetto ad altre, come l'acciaio inox AISI 304 (EN 1.4301)

Fiber Composition.png

Resistenza alle alte temperature: es: FECRALLOY, AISI 330nb, 601 ... e 316L

☉ Fibre in acciaio inox AISI 316L, AISI 601, 302, 304

Le prestazioni delle leghe speciali o delle fibre di acciaio inossidabile a temperature molto elevate dipendono principalmente dal loro contenuto di Nichel e Cromo e, in misura minore, da Molibdeno o altre terre rare. Un parametro fondamentale è la creazione di ossidi protettivi sulla superficie della fibra grazie ad alcuni componenti catalitici. Ecco perché, ad esempio:

  • La lega AISI 601 ha una delle migliori prestazioni in ambienti ad altissima temperatura grazie al suo alto contenuto di Nichel.

  • Tipi di leghe come il ferritico possono anche avere una buona resistenza all'ossidazione ad alta temperatura grazie al loro alto contenuto di cromo, talvolta rinforzato con terre rare o catalizzatori come il niobio, ad esempio l'AISI 330nb.

  • Molto interessanti anche gli "acciaio cromo alluminio " o FeCrAlloy per bruciatori a gas a membrana o applicazioni catalitiche.

Nota: queste fibre metalliche ad alte prestazioni hanno proprietà di flessibilità o lavorabilità ridotte.

Per semplificare: più alte sono le percentuali di nichel, cromo o alluminio, migliore è la resistenza all'ossidazione, ... MA... più il materiale diventa rigido e fragile. Ciò significa, nelle strutture flessibili, che si deve trovare il miglior compromesso tra prestazioni e flessibilità a lungo termine. Ecco perché il noto AISI 316L ha ancora un futuro promettente!

Diametri delle fibre e altri parametri

☉ È espresso dal valore delle fibre di diametro unitario in micrometri, o « micronage ». Lavoriamo principalmente con 3 diametri standard: 8µ, 12µ e 22µ. I diametri più comuni vanno da 6 a 30 micrometri. Caratteristiche delle fibre 316L

Fiber diameters.png

☉ Si noti che la tenacità e l'allungamento a rottura dipendono molto dal processo produttivo: rapporto trafilato o semiricotto. Dipende anche dalla geometria della sezione trasversale della fibra e da potenziali punti di debolezza dovuti a crimpatura o altri processi equivalenti. Ecco perché le fibre possono essere molto più fragili o fragili che a volte possono portare a microframmentazione che potrebbe essere pericolosa in applicazioni specifiche "fragili"). Possono essere utilizzate anche altre leghe di acciaio inossidabile, soprattutto quelle con più nichel che hanno una resistenza alle alte temperature ancora migliore: ad esempio la famiglia di AISI 601 ou 845. La linea di prodotti di acciaio cromo alluminio, talvolta chiamato FeCrAlloy, si caratterizza anche per la sua resistenza alle alte temperature, ma presenta anche inconvenienti in termini di rigidità e fragilità della fibra in condizioni specifiche.

Fibre frattali

Per i tipi di fibra «frattale», che significa una superficie con molte micro e nano-cavità che trattengono una grande quantità d'aria all"interno della struttura. Possiamo misurare un diametro teorico corrispondente all"equivalente di una sezione circolare convenzionale della stessa quantità di fibre di acciaio inossidabile per metro. Un altro approccio è misurare il diametro quadrato della radice media « DRCM » ben noto nell'industria della lana.

Nota: Il concetto di fibre frattali è stato sviluppato dal Sig. Tiberghien nel 2004 quando lavorava per UGITECH. È stato pubblicato un articolo nel documento Chemical Fibers International, seguito da una conferenza a Dornbirn.
 

Non esitare a contattarci se desideri ricevere questo articolo.

fractal fibers.jpg
bottom of page